Confederazione Nazionale

PERSISTE LA GRAVE CARENZA DI PERSONALE ALL'ANAGRAFE CENTRALE E DECENTRATA DEL COMUNE DI VICENZA: SUBITO ASSUNZIONI VERE.

Non hanno bisogno di mettersi in fila gli Assessori ed i Dirigenti comunali per avere un certificato o una carta d’identità e quindi non vivono in prima persona il disagio di un servizio il cui personale è ridotto all’osso e sempre sotto organico.

Il personale sta scoppiando; è travolto dai carichi di lavoro con relativo stress e born out .

A mettersi in fila, soprattutto nei pomeriggi di martedì e giovedì, sono soprattutto lavoratori come lavoratori sono gli addetti allo sportello su cui pesa la promessa non mantenuta di nuovo personale per fra fronte a pratiche anagrafiche sempre più complesse in una società in continuo mutamento in cui le famiglie ed i singoli, al di là delle belle parole, delle autocertificazioni e dell’informatizzazione, hanno sempre, anzi di più rispetto al passato, necessità degli uffici anagrafe.

La situazione del personale all’Anagrafe di Piazza Biade è pesante, e anche grave è la situazione, soprattutto nei pomeriggi, di quella decentrata della Circoscrizione n. 3 dove nel recente passato sono stati aggiunti più servizi con grande enfasi e pubblicità “ elettorale” sulle spalle dei lavoratori.

Lavoratori che aspettano assunzioni vere e non affiancamenti di personale con voucher.

Di questa grave situazione d’emergenza ormai cronica l’Amministrazione Comunale non sembra volersene occupare minimamente, forse in attesa che il bubbone scoppi e magari poi incolpando qualche lavoratore.

Magari definendolo come oggi è in voga “fannullone”.

Risulta incredibile il fatto che l'amministrazione comunale a cui è stato fatto presente la situazione non proceda immediatamente ad assunzioni.

Che sia proprio l'amministrazione comunale la vera fannullona?

Diciamo questo perché al contempo l’Amministrazione si occupa di dubbie soluzioni ( come i nuovi uffici in via Torino) e lontane nel tempo mentre la soluzione più banale, cioè un reale e serio potenziamento del personale, non è né praticata né discussa seriamente.

Per l’Amministrazione Variati il personale sembra essere necessario solo nei servizi “di facciata” , nelle vetrine per questa o quell’iniziativa utile solo a qualche consulente ben pagato o a tener buono un bacino clientelare.

Brunetta/Madia quando parlano dei “dipendenti fannulloni” lo fanno per giustificare i tagli del personale e mettere i cittadini/lavoratori contro i lavoratori pubblici.

Usb Vicenza invita i lavoratori e i cittadini a denunciare la cronica carenza di personale che diventa una cattiva gestione del servizio e chiede a tutti di muoversi affinché l'Amministrazione comunale assuma personale, potenzi i servizi.

Alla fine lavoratori e cittadini pagano esose tasse non per mantenere amministrazioni inefficienti ma per aver i servizi di qualità che spettano.


USB-FEDERAZIONE DI VICENZA PUBBLICO IMPIEGO.